Comunicati Stampa - Unione Club Amici

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da leggere

COMUNICATI STAMPA


Lettera ai Presidenti
Carissimi Presidenti,
mi scuso in anticipo per la lunghezza del messaggio (pubblicato anche sul Gruppo Facebook dell'Unione Club Amici) ma viste le importanti informazioni, ho deciso di essere quanto più chiaro possibile.
Quella della scorsa settimana, a Roma, è stata una giornata molto importante, durante la quale si sono incontrati Paolo Bianchini, Presidente Nazionale del “MIO” (Movimento Imprese Ospitali), al quale aderiscono qusi 30.000 aziende Alberghiere; di ristorazione; Ristoranti, del settore ospitalità e turismo, Ivan Perriera, Presidente Nazionale della Federazione del turismo itinerante e dei Campeggiatori, alla quale aderiscono 125 associazioni e Paolo Gennaro Cuomo, Responsabile dipartimento Telecomunicazioni dell’Italia dei Valori, che, grazie alla sua rappresentatività in Parlamento, potrà supportare le istanze provenienti dalle due associazioni nazionali.
Durante l'incontro, che si è tenuto nello splendido e storico “Ristorante il Vero Alfredo”, davanti all’imponente Mausoleo di Augusto, si è parlato di diversi argomenti legati alla promozione e sicurezza delle presenze turistiche in questo periodo di Covid, con particolare attenzione alle modalità di applicazione dell’obbligo di ingresso solo ai cittadini (di ogni parte del mondo) che siano in possesso di Green Pass che, via via che si avvicina la data di applicazione, ha bisogno di maggiori precisazioni. La nuova APP “VerificaC19”, sviluppata dal Ministero della Salute, pur garantendo immediatezza nella lettura dei dati dei clienti, presenta ancora alcune parti di criticità come la richiesta del documento di riconoscimento (controllo che i titolari dei ristoratori non ritengono di poter fare) o la mancata registrazione del “QRcode” controllato in una schermata che possa dimostrare l’attenzione prestata dai gestori delle imprese, al momento dell’ingresso dei clienti. Senza queste certezze, l’attuale decreto prevede delle sanzioni ingiustificate (oltre che immotivate) per le strutture qualora, a seguito di controllo delle forze dell’ordine, queste non possano dimostrare di aver effettuato i doverosi controlli. La presentazione di un “QRcode” da parte di un cliente dovrebbe già valere come un’autocertificazione che dovrebbe sollevare i ristoratori da ogni responsabilità.
Le due Organizzazioni prepareranno un documento condiviso da inviare al Presidente Draghi, che sancirà l’inizio di una lunga collaborazione fra le imprese, da una parte, e i consumatori, dall’altra.
Altro argomento trattato è stato quello di possibile adesione delle strutture “MIO” al progetto nazionale “CampRistHotel” promosso dall’Unione Club Amici, che possa permettere di avere maggiori strutture ricettive presso le quali poter pernottare nei periodi di bassa e media stagione, quando, cioè, la quasi totalità dei campeggi sono chiusi. Si valuterà anche la possibilità di una agevolazione sul menù per tutti i turisti in possesso di tessera.
Ma le Associazioni possono arrivare fino ad un certo punto perché, poi, per presentare gli emendamenti ad un Decreto, ad una Legge, proposti da chi ha esperienza in un dato settore, ci vuole l’appoggio dei deputati che possano formalizzare le richieste in Parlamento e, per questo, ecco perché la presenza di Paolo Cuomo dell’Italia dei Valori, che ha subito confermato la sua disponibilità per sottoporre all'attenzione del Segretario Nazionale dell'IDV, Ignazio Messina, ed ai Parlamentari dell’IDV le istanze delle due Federazioni che, comunque, hanno precisato che, in ogni occasione, chiederanno l’intervento di tutti i partiti politici a dimostrazione che il turismo non può essere di parte.
Con questo principio, Ivan Perriera ha chiesto ai deputati di preparare le seguenti proposte di Legge da portare al più presto in parlamento:
Gentili Parlamentari,
vi chiedo di voler valutare la possibilità di presentare le seguenti proposte di Legge da me promosse.
Tutte le Proposte sono di interesse dell’intero comparto e non comportano costi particolari per lo Stato, se non quelli delle normali specifiche, da valutare grazie alla collaborazione dei vostri uffici competenti in fase di presentazione delle proposte che, spero, vorrete condividere e presentare come firmatari le seguenti Proposte di Legge 2021

1. Pagamento Tassa dei rifiuti Hotel e Campeggi
Allo stato attuale le strutture ricettive come Hotel, Campeggi, Agriturismo, ecc. pagano la “tassa sui rifiuti” (tasi) ai propri comuni, sull’intera superficie della struttura, applicabile al solo periodo di apertura e, solo parzialmente, sulle effettive presenze nei diversi periodi dell’anno (stagioni).
A mio avviso, tale, inopportuno e incomprensibile calcolo della tassa, è uno dei motivi per cui, la stragrande maggioranza delle attività ricettive, superato il periodo di alta e altissima stagione, preferiscono chiudere totalmente le proprie attività facendole diventare “stagionali” e riducendo sensibilmente l’offerta di posti letto o di pernottamento. Infatti, piuttosto che continuare a garantire il servizio ai minori turisti che visitano le nostre regioni nei periodi di bassa e media stagione moltissime strutture restano chiuse.
Ritengo tale Legge iniqua e chiedo di indicare, nelle disposizioni date alle Amministrazioni locali, che il computo deve essere calcolato in base alle presenze piuttosto che sull’intera superficie. E’ facilmente intuibile che questa situazione crea un danno enorme all’intera filiera del turismo, trasformando località altrimenti interessanti, a silenziose isole deserte.

2. Le Bellezze Negate o Patrimonio Invisibile
L’Italia, prima al mondo per siti “Patrimonio dell’Unesco”, per poter gestire tutte le innumerevoli ricchezze della nostra nazione avrebbe bisogno migliaia di operatori in più e costi di gestione cento volte maggiori di quelli attuali. Tale investimento di denaro pubblico non è più immaginabile.
Mentre per città d’arte lasciare chiusi molti siti per mancanza di personale potrebbe rappresentare una perdita insignificante, per i centri “secondari”, i piccoli borghi, le aree interne del ns. paese, l’apertura di un sito archeologico, di un castello, di un piccolo museo, potrebbero diventare indispensabili per la vita stessa dei paesi interessati, creando un indotto vitale per l’economia delle realtà locali.
Attualmente, bellezze perfettamente restaurate, dotate di tutti i servizi (luce, acqua e riscaldamento) restano chiuse per mancanza di personale perché, in un momento di recessione economica e, diciamolo pure, di razionalizzazione degli sprechi, le “entrate” di tali strutture non potrebbero coprire interamente i costi di gestione del personale e delle utenze.
La mia proposta di Legge da presentare in Parlamento è quella di affidare tali “Bellezze” ad organizzazioni senza fini di lucro (o alle Pro Loco) le quali, forti delle loro organizzazioni di volontariato, radicate in tutti i comuni italiani, potrebbero occuparsi della gestione del “bene locale” rendendolo produttivo, nella certezza che questo contribuisca alla crescita turistico/economica del territorio.
Basterebbe individuare, assieme al Ministero (o alle Regioni), la quota parte degli incassi da destinare alle Associazioni (in forma di contributo per la vivibilità delle stesse), quelle che serviranno alla copertura delle spese per le utenze e quella da ritornare alla soprintendenza. In questo modo, potremmo offrire ai turisti un’immensa opportunità di bellezze archeologiche, culturali e artistiche che, al momento, restano chiuse, rendendo questo patrimonio invisibile.

3. Zone Franche del Turismo (ZFT)
Come già avviene per le Zone Franche Urbane (ZFU), aree infra-comunali dove si concentrano programmi di defiscalizzazione per la creazione di piccole e micro imprese e favorire lo sviluppo economico e sociale di quartieri ed aree urbane caratterizzate da disagio sociale, economico e occupazionale, e con potenzialità di sviluppo inespresse, anche le aree del nostro territorio nazionali più perimetrali (Salento, Cilento, Basilicata, Calabria e Sicilia) da destinare, come per le “ZFU”, le aziende locali che dimostrino di investire in formazione, ammodernamento delle strutture e promozione turistica del territorio, potrebbero essere agevolate per:
• esenzione dalle imposte sui redditi
• esenzione dall'IRAP
• esenzione dall'imposta municipale propria
• esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente
Inoltre, sarebbe possibile offrire anche delle agevolazioni da riservare ai turisti quale incentivo per raggiungere territori più distanti dal centro Italia.
Coinvolgendo le società petrolifere (che trarrebbero vantaggi dall’aumento stesso dei veicoli presenti in quelle aree diversamente poco frequentate) si potrebbero immaginare sensibili riduzioni del costo dei carburanti per coloro i quali dimostrino di non essere residenti in quelle aree.
Tale collaborazione permetterebbe allo stato centrale di mantenere gli investimenti, preoccupandosi di investire esclusivamente nella formazione e nelle operazioni di promozione e marketing per le aree interessate.

4. Limite di Velocità con le caravan
In quasi tutta Europa il limite massimo delle autovetture con caravan a seguito è fissato a 100 kmh mentre, in Italia il limite è fissato a 80 kmh.
Tale differenza scaturisce dal fatto che nelle altre nazioni, ad esempio la Germania, hanno consentito una maggiore velocità a tutte quelle vetture che seguono precise indicazioni.
Tale richiesta è stata presentata anche da In “Caravan Club Italia”, anch’essa aderente all’Unione Club Amici.
http://www.camera.it/leg17/824?tipo=A&anno=2014&mese=09&giorno=30&view=&commissione=10
una di queste misure è rappresentata dall'incremento della velocità massima in autostrada dei convogli autovettura-rimorchio leggero (come le vetture che trainano le caravan) da 80 a 100 km/h. Tale previsione, oltre ad eliminare un problema di sicurezza stradale dato dall'intralcio alla fluidità del traffico che tali convogli oggi rappresentano, faciliterebbe l'utilizzo dei rimorchi leggeri per uso turistico con rilevanti conseguenze positive sullo sviluppo del mercato italiano di tali veicoli. Occorre segnalare che il limite di velocità di 80 km/h, previsto in Italia, non trova riscontro in Germania, Austria, Benelux e Francia, dove è stata da tempo modificata la disciplina della circolazione stradale nel senso qui indicato, con l'effetto di disincentivare i caravanisti europei a viaggiare sulle strade italiane. Occorre altresì rilevare che la disposizione in questione risulterebbe conforme a quanto già previsto dalla direttiva 2007/46/CE, relativa alle omologazioni europee dei rimorchi, che già prevede una velocità massima per i rimorchi leggeri pari a 100 km/h;

5. Riconoscimento di “Accompagnatore Turistico” alle associazioni di categoria
“I Soci che, per conto di loro associazioni senza fini di lucro, fanno da accompagnatori, su basi di volontariato, a gruppi interessati alla visita di musei e siti d’arte delle proprie città, potrebbero vedersi riconoscere il diritto all’ingresso gratuito.” Lo asserisce Mario Turetta, Capo della segreteria del ministero per i Beni e le Attività Culturali, in risposta a una lettera inviatagli da Ivan Perriera, nel lontano 2003, allo scopo di sollecitare un chiarimento nel senso indicato.
Il provvedimento che dovrebbe consentire l’applicazione di questa agevolazione è il DM 597/97, come modificato e integrato con DM 375/99, il quale attribuisce agli uffici delle Soprintendenze regionali il potere discrezionale del rilascio delle singole autorizzazioni.

Già anni fa Perriera si era rivolto al ministro per i Beni e le Attività Culturali, con una lettera dal seguente testo:

“Gentile Ministro,
Le scrivo quale Presidente Nazionale dell'Unione Club Amici – Federazione a favore del Turismo Itinerante e dei Campeggiatori - per informarLa di una nostra reale necessità per lo sviluppo della promozione turistico/culturale dei nostri territori.
Come si evince dalla descrizione sopra riportata, la nostra Unione è nata con lo scopo principale di offrire, a titolo completamente gratuito, una reciproca ospitalità a favore del turismo itinerante; questo porta, ogni singolo Club, ad avere periodicamente degli ospiti provenienti dalle altre Regioni d'Italia che, onorandoci della loro presenza, ci danno la gioia di visitare i nostri siti archeologici di competenza.
Nel ripetersi di queste visite, i nostri incaricati accompagnano i nostri amici visitatori presso i vari monumenti presenti nelle nostre Città, Province o Regioni ed ogni qualvolta ritorniamo a visitare i nostri musei siamo costretti a pagare il biglietto d'ingresso come qualsiasi turista occasionale di passaggio.
Molti di noi hanno già chiesto ai vari responsabili dei siti visitati se il Ministero avesse previsto delle agevolazioni per gli organizzatori di un viaggio o di una visita guidata (solitamente anche il costo della guida è a nostro carico) e mi è stato risposto che non esiste nessuna tessera di ingresso gratuito se non per le guide autorizzate.
Nel mio caso, gentile Ministro, sono anche Presidente dell'Isernia Camper Club - Associazione Turistico-Culturale senza fini di lucro e nei vari anni di Associazionismo abbiamo organizzato ben ventinove raduni nazionali, che hanno registrato la presenza di oltre 10.000 turisti provenienti dalle più disparate città d'Italia, e per ogni raduno, come immaginerà, sono state previste visite nei nostri ricchi ed interessanti siti archeologici locali.
Ma, se pur interessanti e ricchi di storia, esimio Sig. Ministro, tali monumenti non giustificano il fatto che gli accompagnatori debbano pagare il biglietto d'ingresso ogni volta che organizzano un tour o accompagnino nuovi turisti.
Riteniamo che il suo Ministero debba prevedere, se ciò non è già previsto, la possibilità di consegnare delle tessere alle associazioni che tanto fanno per lo sviluppo turistico-culturale del loro territorio (valide anche per la sola regione di pertinenza e, magari, da consegnare solo a quei Club regolarmente costituiti con tanto di Statuto e Atto Costitutivo).
Gentile Ministro, sono certo di leggerLa favorevolmente in relazione alla ns. richiesta che non vuole assolutamente essere speculativa (ma semplicemente pratica) e ringraziandoLa per la Sua disponibilità, mi pregio inviarLe i miei più distinti saluti e quelli delle Associazioni che rappresento ”.

La risposta ottenuta da Perriera fu quella di piena condivisione e venne demandata la decisione all’allora Soprintendente dei Beni Culturali del Molise che però rigettò la risposta dello stesso ministero. Prima chiara carenza dell’approvazione del “Titolo V”.
Per questo motivo, oggi, Perriera ripresenta la modifica di Legge.
Nella foto: a sinistra Paolo Gennaro Cuomo, al centro Paolo Bianchini e a destra Ivan Perriera (fa un certo effetto fare la foto davanti a tanti ospiti, fra i quali Alberto Sordi, Monica Vitti, seguiti da Richard Burton, Sofia Loren e John Kennedy, che hanno frequentato quel ristorante).

Comunicato stampa

Sosta e circolazione Autocaravan: il presidente nazionale dell'Unione Club Amici, Ivan Perriera, incontra la Viceministra alle infrastrutture e mobilità sostenibili Teresa Bellanova

Incontro della federazione nazionale dei Campeggiatori con la vice ministra Teresa Bellanova, al Ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, per affrontare alcuni argomenti strettamente legati alla sosta e alla circolazione delle autocaravan e, in particolare, della modifica di alcune parti dell'art. 185 del Codice della Strada.
Anche grazie alla collaborazione e disponibilità della Caposegreteria della Viceministra, dott.ssa Alessia Fragassi, si è avuto modo di rappresentare quanto, a parere della Federazione, sia impropria la citazione dell'emissione di deflussi propri, nel suddetto art. 185, e che questa venga utilizzata da alcuni sindaci, come attività di campeggio quando è chiaro che il frigorifero, boiler o la stufa, sono parte integrante dell'allestimento delle stesse autocaravan che vengono immatricolate come uso abitativo, anche in virtù di questi elementi, insieme alle altre attrezzature quali letti, water, docce e specifici serbatoi di recupero, che tutti insieme consentono l'utilizzo e, perché no, il pernottamento, senza che questo venga configurato come attività di campeggio ma, semplicemente, l’uso regolare delle attrezzature di bordo di veicoli realizzati per tali finalità.
E ancora: Nel corso dell'incontro si è fatto riferimento anche ad alcune distorsioni interpretative che, facendo leva sugli art. 6 e 7 del CdS, e soprattutto, come espressamente indicato, senza preventivamente interpellare i ministeri competenti, portano a Ordinanze di divieto illegittime (come più volte evidenziato dallo stesso ministero e dalla giurisprudenza specifica).
Infine, Ivan Perriera ha anche suggerito di utilizzare parte dei fondi del “recovery fund”, per la realizzazione di aree attrezzate, con riferimento alla circolare del prefetto Gabrielli che ha imposto ai comuni di individuare e realizzare aree servite da impianti elettrici, acqua e fognature, da destinare, in caso di necessità, alla protezione civile per le emergenze ma utilizzabili, se libere, per il turismo itinerante.
Il cordiale e proficuo incontro si è chiuso con l'impegno di rinnovare a breve l'appuntamento, coinvolgendo anche per una istruttoria tecnica i dirigenti ministeriali, ognuno per le specifiche competenze".
Oltre alla Viceministra, Teresa Bellanova e alla dott.ssa Alessia Fragassi Caposegreteria della Viceministra, Ivan Perriera ringrazia il Camper Caravan Club Salento, promotore dell'incontro.

Comunicato stampa

La Sicilia apre a CamperforAssistance
COMUNICATO STAMPA
L’Unione Club Amici (UCA) e l’associata Turismo Itinerante Amico e Solidale (TIAS) hanno il piacere di comunicare che la IV Commissione Salute dell’Assemblea Regionale Siciliana, su proposta del TIAS, ha approvato all’unanimità, nella seduta del 27 aprile c.m., una risoluzione che impegna il governo regionale a favorire “l’assistenza familiare dei ricoverati mediante la previsione di spazi camper nelle strutture ospedaliere”. Pertanto, il progetto CamperforAssistance ideato dalla Federazione Nazionale, “Unione Club Amici”, diventa realtà.
Con l’atto d’indirizzo, in particolare, si chiede all’assessorato regionale per la Salute di “adottare tutte le misure idonee a far sì che le aziende ospedaliere prevedano all’interno delle aree di loro pertinenza appositi spazi attrezzati, fino ad un massimo di cinque stalli dotati di luce e acqua, destinati al parcheggio dei camper al fine di assicurare una maggiore vicinanza ai pazienti gravi ricoverati da parte dei loro familiari, permettendo agli stessi di risparmiare sulle spese di soggiorno ed essere agevolati durante la permanenza negli ospedali”.
La risoluzione impegna l’assessorato ad “impartire apposito indirizzo alle aziende ospedaliere che disciplini uniformemente le modalità di autorizzazione e fruizione del parcheggio affinché queste mettano in pratica il regolamento predisposto in tutta Italia per la sosta all’interno delle strutture ospedaliere
www.unioneclubamici.com/files/CamperforAssistance-Domanda-Regolamento.doc.
“Grazie allo straordinario impegno del TIAS – ha dichiarato il Presidente Nazionale dell’Unione Club Amici, Ivan Perriera – questo splendido risultato permetterà ai parenti dei ricoverati gravi della regione di non avere più problemi per la sosta dei propri veicoli quando questi verranno usati per offrire assistenza ai propri familiari. È un successo, questo del TIAS, che inorgoglisce l’intera Federazione e inorgoglisce i 12 club Siciliani ad essa aderenti. Questo progetto sarà a disposizione di tutti i turisti itineranti che ne avessero la necessità”.
“Un evento importante che qualifica sempre di più il settore camperistico – dichiara il Presidente del Tias, Ettore Minniti - che ha fatto dell’amicizia e della solidarietà la propria mission”.
L’auspicio che i Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere vogliano recepire l’atto di indirizzo al più presto e avvalersi della collaborazione di queste Associazioni per la realizzazione del progetto.
.
Comunicato stampa

TURISMO, ASSOCAMPING E UNIONE CLUB AMICI, UN’ALLEANZA TRA IMPRESE E VIAGGIATORI PER VALORIZZARE IL TURISMO EN PLEIN AIR

Un’alleanza tra imprese e viaggiatori per valorizzare il turismo ‘en plein air’. Un modo di fare turismo che in Italia trova un contesto ideale, anche considerando che il turismo all’aria aperta ed itinerante è tra le forme più sicure in questo momento difficile.
È questo lo scopo dell’accordo di collaborazione sottoscritto da Assocamping Confesercenti, Associazione di Categoria delle Imprese Turistiche all'aria aperta, e l’Unione Club Amici, Federazione Nazionale del Turismo Itinerante e dei Campeggiatori. Un’intesa che ha l’obiettivo specifico di operare congiuntamente nell’ottica di una maggiore collaborazione per lo sviluppo del Turismo ‘open air’, con l’intento principale di avvicinare i possessori di Camper, Autocaravan e Motorhome ai campeggi, valutando quelle che sono le possibili sinergie fra strutture ricettive e utenti.
“Il turismo ‘en plein air’ è un valore aggiunto della filiera turistica italiana”, commenta Monica Saielli, Presidente Assocamping. “Le strutture ricettive all’aria aperta sono paragonabili a grandi parchi, in cui l’incidenza dei volumi chiusi è minima rispetto alla superficie della struttura. Una forma di turismo che deve essere incentivata e sostenuta. Ben venga dunque questo accordo, che ci permetterà di creare importanti sinergie per rispondere meglio alle esigenze dei turisti”.
“Immaginare di gestire le nostre Associazioni senza sfruttarne le sinergie - dichiara Ivan Perriera, Presidente UCA - significherebbe non comprendere la necessità di trovare un compromesso fra i bisogni dei campeggiatori, che negli ultimi anni si sono diversificati con l’aumento di autocaravan a discapito delle caravan, e quelli dei campeggi che devono riadeguare anche gli spazi interni che, una volta, erano destinati ai ‘turisti stagionali’ che vivevano i campeggi prevalentemente con le roulotte”.
L’accordo prevede agevolazioni nei campeggi aderenti all’iniziativa con riduzioni significative di tariffe e/o la fornitura di servizi inclusi. Si promuove anche il progetto CAMPERSTOP di UCA.


Comunicato stampa
Promocamp Italia e Unione Club Amici
Spinti dalle necessità del momento (COVID-19) e dalla condivisa importanza di collaborazione fra le varie figure del comparto TURISTMO ITINERANTE, Promocamp Italia (Associazione Imprenditori Turismo all’Aria Aperta) e l’Unione Club Amici (Federazione Nazionale del Turismo Itinerante e dei Campeggiatori) hanno sottoscritto un accordo, che li vedrà operare congiuntamente su tutti quei progetti che avranno come fine il miglioramento delle condizioni del settore turistico interessato e verso i quali, di volta in volta, si riterrà di condividere gli obiettivi comuni.
Le due organizzazioni manterranno inalterata la propria autonomia che continuerà nel rispetto delle finalità dei loro statuti.

(leggi l'accordo)

Rivivere l'Italia
Carissimi Presidenti dei Club, cari amici tutti,
dal 3 giugno, dopo mesi di lockdown, tutti noi potremo riprendere la circolazione fra le Regioni italiane, senza alcun vincolo, autodichiarazioni, quarantene che, fino ad oggi, ci hanno relegato nelle nostre abitazioni.
Non è stato facile per nessuno di noi e, devo dire con sincero apprezzamento, i social ci hanno permesso di non rimanere più soli.
Le videoconferenze, le video chiamate, le dirette facebook, si sono mostrate nella loro parte migliore e senza, non so quanti avrebbero potuto sopportare questo intenso isolamento.
Ci sono mancati i nostri affetti più cari (certamente, più di altri, quelli residenti nelle altre regioni) e ancor più ci sono mancati gli abbracci e i baci ai nostri cari che abbiamo avuto la fortuna di avere vicini.
Le nostre attività sociali si sono bloccate senza preavviso e le nostre associazioni sono state comunque vicine a tutti.
Non abbiamo sconfitto ancora il Virus, ma sappiamo cosa è bene fare e cosa non lo è.
E' il momento di essere ancora più responsabili, durante le nostre escursioni, nei nostri viaggi, nelle nostre avventure che, grazie ai nostri veicoli, sono ricominciate con la stessa velocità con la quale si erano bloccate.
Non so se siamo stati gli unici, in questo primo weekend, ma certamente siamo stati i turisti più numerosi che hanno riportato ricchezza ai nostri amici dei campeggi, aree attrezzate, agriturismo, alla faccia di chi, da sempre, ci guarda con sufficienza, non credendo all'importanza del nostro turismo itinerante che, come abbiamo sempre detto porta ricchezza nei vari territori. Ci è bastato mettere in moto i nostri veicoli ricreazionali, per tornare a quella spontaneità che essi ci permettono.
Spero che, anche gli amministratori più riluttanti, ne abbiano finalmente compreso l'importanza. Non è ancora finita, dicevo, e per questo vi esorto a dimostrare quella responsabilità del buon padre di famiglia che, senza mai abbassare la guardia, farà sì di coniugare le uscite in compagnia con il rigido rispetto delle procedure consigliate. La più antipatica, ma anche la più importante, sarà quella di continuare a mantenere le distanze (esageriamo per sicurezza) a 1,5 m.. Ricordiamoci sempre che tanto più forte è l'amicizia, tanto più pericoloso è il COVID-19.
Utilizziamo la mascherina nei luoghi pubblici o in zone affollate e, soprattutto, laviamoci spesso le mani, tenendo presente che sulle superfici le possibilità di contagio sono maggiori.
Da parte mia, ho cercato di tenervi quanta più compagnia possibile, inoltrando tutte le informazioni, DPCM, Ordinanze regionali e comunali che, grazie anche ad altri amici, riuscivo a raccogliere e, soprattutto, verificare (non è mai partita una sola comunicazione che non fosse stata certa).
Non è stato facile ma mi sono divertito anch'io (e spero che abbiate apprezzato anche voi) riuscendo a fare dell'ironia su questo virus che è riuscito a colpirci, pur non contagiandoci, nella nostra serenità, stile di vita, rapporti interpersonali.
Ho utilizzato le foto dei miei viaggi e domani pubblicherò l'ultima foto nel mio album "Covid-19 - La nostra ironia" e prima di riprendere la nostra vita di sempre e che conterrà un ultimo saluto (facendo i giusti scongiuri) a questo maledetto virus.
Penso che in questi lunghi mesi l'intero popolo dei social (fatte le solite eccezioni che confermano la regola) abbia dimostrato una grande maturità, riducendo i tanti sproloqui che, in pre Covid, riempivano i social.
Concludo con un ultimo pensiero alle quasi 35.000 vittime, fra le quali, ognuno di noi ricorderà un amico o un parente.
Sono fiero ed orgoglioso di appartenere a questa Federazione e di esserne il Presidente Nazionale.

Comunicato stampa
L'UCA a Padova per ITINERANDO 2020
Nei giorni 30-31 Gennaio e 1 Febbraio 2020 si è tenuta a Padova la Fiera del tempo libero “ITINERANDO”. La manifestazione ha visto tra gli espositori al Padiglione 8 lo stand di Unione Club Amici. La rassegna fieristica, unica nel suo genere per la Provincia di Padova ha avuto una presenza di visitatori superiore al previsto con più di 20.000 persone che hanno visitato i capannoni allestiti dagli espositori. Alla rassegna erano presenti quasi 200 espositori in rappresentanza di una ventina di settori merceologici tra i quali nel settore turismo ricordiamo i camper presenti con una ventina di rivenditori veneti e di regioni vicine, ricordiamo l’accessoristica, ricordiamo le aziende di manutenzione e riparazione camper e roulotte, ben fornito il settore nautica con un capannone interamente riservato alle imbarcazioni e ai servizi di settore, ricordiamo le agenzie turistiche che accompagnano i camperisti in viaggi molto lontani, ricordiamo l’hobbistica e il modellismo, il settore alimentare con stand che offrivano assaggi ai visitatori, la navigazione fluviale e l’editoria relativa al Turismo itinerante e le assicurazioni.
Tutto questo ha contribuito per ITINERANDO a essere una fiera completa e ben organizzata e come risultato finale molti gli affari conclusi.
Si vedeva negli occhi degli espositori la contentezza di aver partecipato ad una fiera dove il pubblico ha partecipato interessato a quanto esposto e a detta degli operatori una fiera che ha avuto riscontri economici notevoli. Unione Club Amici dal canto suo ha visto la presenza dei presidenti, di componenti il Direttivo di moltissimi Club dell’Area Nord-Est del Triveneto di UCA, cosa questa che ha fatto molto piacere agli addetti allo stand che hanno visto trascorrere i tre giorni di Fiera in un battibaleno.

Comunicato stampa
Luigi Rutigliano eletto Presidente d’area del Centro Sud-Est
Presso la sala, messa a disposizione dalla “Area Camper Matera” che ha ospitato i 12 presidenti, o referenti accreditati, delle associazioni presenti, si è tenuta l'assemblea interregionale delle Aree Sud Est e Sud (Bassa Campania, Basso Molise, Puglia, Basilicata e Calabria) dell’Unione Club Amici (di seguito anche UCA).
L’incontro, ha visto la partecipazione del Presidente Nazionale Ivan Perriera, del Presidente dell’area Sud Remigio Calderaro, appena riconfermato per il prossimo triennio, e del Presidente uscente dell’area Centro Sud-Est Gabriele Vertibile nonché la presenza dei Presidenti dei Club delle rispettive aree con al seguito alcuni soci giunti anch’essi in camper per condividere l’importante momento della elezione del nuovo Presidente d’area.
Il neoeletto sarà chiamato, come sempre, a coordinare il lavoro dei Club per la promozione di una “rosa” di progetti che l'Unione Club Amici, grazie anche all’impegno delle Associazioni aderenti, portano avanti a favore di tutti i turisti itineranti.
L’UCA, infatti, sin dal lontano 1996, anno di nascita della Federazione, opera nel settore con la convinzione di non dover mai anteporre l'aspetto economico, alla realizzazione delle proprie iniziative.
Nell'assemblea di Matera, punto principale all'ordine del giorno, era, quindi, l'elezione del nuovo Presidente e coordinatore dell'area Centro Sud-Est, ruolo ricoperto da dieci anni da Gabriele Vertibile.
Gabriele Vertibile non lascia l'Unione ma rivestirà l'incarico di Webmaster gestendo il sito della Federazione. Contestualmente viene nominato “addetto Stampa”.
Le votazioni per i due candidati si sono svolte a scrutinio segreto e Il risultato ha premiato, a grande maggioranza, Luigi Rutigliano, figura giovane e Presidente del Club “Camper…ando” di Corato (BA) su Luciano Leone, Presidente del Club leccese “Italia Camper Club”.
Il Presidente uscente, al termine dell’assemblea, come consuetudine, ha consegnato a tutti i Presidenti l’attestato di partecipazione ed uno di ringraziamento alla titolare di “Area Camper Matera". 

Comunicato Stampa
Gambatesa (CB) 6 aprile 2019 
Sabato 6 aprile 2019, in occasione del raduno camperisti organizzato dal Club Campeggio Molise e dall’amministrazione comunale di Gambatesa (CB), si sono tenute l’inaugurazione ufficiale dell’area camper di via Del Lavatoio e la cerimonia d’adesione del comune molisano al progetto nazionale “Comune Amico del Turismo Itinerante”.
La cerimonia si è articolata con il conferimento al Sindaco dell’attestato con il quale l’Unione Club Amici ha formalizzato l’adesione della cittadina molisana al circuito “CATI” e la consegna del cartello stradale che verrà esposto all’ingresso della città.
Il tutto si è svolto presso l’area camper alla presenza del Sindaco Carmelina Genovese, affiancata dai Presidenti della Proloco Pasquale Abiuso e dell’Associazione “I Maitunat” Giovanni Carozza, dalle autorità locali, dai camperisti e da gruppi di residenti. Dopo la benedizione e il saluto benaugurante a tutto il movimento dei camperisti da parte del parroco Don Giuseppe Nuzzi, il sindaco ha tagliato il nastro fra le note dell’inno nazionale e i festosi canti delle scolaresche presenti.
Il consigliere Luca D’Alessandro, delegato alla cultura e al turismo, ha sottolineato l’importanza di tale momento e di tale realtà per tutta la comunità gambatesana perché finalmente si è riusciti a realizzare un indispensabile approdo per tutti quei camperisti che ogni anno, e non solo nella notte delle “maitunate”, giungono nell’ospitale Gambatesa. Nel suo intervento il Sindaco ha evidenziato la preziosa collaborazione di tutte le associazioni per far conoscere all’Italia intera questa antica tradizione delle maitunate. Il Presidente Gallo, dopo parole di ringraziamento a tutto il popolo di Gambatesa che, da oltre un decennio, apre le porte delle proprie case alla pacifica invasione dei camperisti, consegna al Sindaco il cartello stradale, studiato e realizzato dall’UCA, di “Comune Amico del Turismo Itinerante”. Il Presidente dell’area Centro Sud-Est Gabriele Vertibile, prima di dare lettura dell’attestato, predisposto dall’UCA, richiama l’attenzione sulla valenza della circostanza che si sta concretizzando a Gambatesa che vede un progetto ed una delibera dell’Unione Club Amici, proposta e supportata dal Club Campeggio Molise, aderente a Confedercampeggio. A conclusione della cerimonia, il Vice Presidente del Club “Camperisti senza frontiere” consegna nelle mani del Sindaco una statuetta di Pulcinella, simbolo dell’associazione. I festeggiamenti sono continuati fino a tarda sera a suon di “Maitunate” che hanno coinvolto gambatesani e camperisti.

Di seguito il saluto inviato dal Presidente Nazionale dell'Unione Club Amici Ivan Perriera.

"Gentile sindaco,
spett.le amministrazione,
caro Giovanni Gallo, presidente del club campeggio Molise,
Quello che siete riusciti a fare a Gambatesa ha qualcosa di eccezionale e non tanto per la realizzazione di questa bella area di sosta ma per aver saputo promuovere il vostro paese in tutta Italia. Vero, il turismo itinerante non è il settore più importante per il territorio ma il suo straordinario "tam tam" è stato in grado di portare al capodanno delle maitunate turisti di ogni parte d'Italia e, In alcune edizioni, sotto abbondanti nevicate.
Bravi! Continuate così, con questa straordinaria collaborazione con il club di Campobasso e con la fantastica ospitalità che i vostri cittadini hanno saputo offrire ai tanti intervenuti, lasciando loro percepire la vera ricchezza di questa regione: il popolo molisano"
.


Comunicato Stampa
Altro grande passo in avanti dell'Unione Club Amici


Dopo 22 anni di attività piena di successi e realizzazione di progetti a favore del Turismo Itinerante, il 23 novembre 2018, l'Unione Club Amici è entrata a far parte della dalla F.I.C.C. (Fédération Internationale de Camping, Caravanning et Autocaravaning).

Questa la comunicazione originale:
Dear Ivan,
It is with great pleasure that I may inform you that your association has been accepted as a new F.I.C.C. Member by the F.I.C.C. Council.
Congratulations and welcome in the F.I.C.C. Camping family

Caro Ivan,
E' con grande piacere che ti informo che la vostra associazione è stata accettata come nuovo membro della F.I.C.C. dal Consiglio della F.I.C.C.
Congratulazioni e benvenuto nella famiglia F.I.C.C.

Il nostro obiettivo primario sarà quello di estendere i nostri progetti ai Club delle altre nazioni europee.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu